top of page
  • Immagine del redattoreMagMel

Le fiabe iniziatiche: un tramite tra Anima e materialità

L’essere umano ha sempre raccontato storie, basti pensare alle incisioni rupestri e ai graffiti di epoca preistorica, alla mitologia delle antiche civiltà, per arrivare fino ai giorni nostri, con il cinema, il teatro, i romanzi e via dicendo. La narrazione, dunque, è un bisogno profondo dell’essere umano.

Le fiabe, i miti e le leggende di un tempo avevano lo scopo di intrattenere i membri della famiglia durante le lunghe e fredde giornate invernali, ma avevano soprattutto un intento didascalico: insegnavano ad affrontare la vita con i suoi pericoli e le sue avversità, ci si identificava con l’eroe e le gesta di quest’ultimo erano esempi da imitare. Si trattava di narrazioni tramandate oralmente, che non facevano che riprodurre gli schemi dei riti iniziatici e venivano recitate con enfasi, a tratti in modo molto teatrale.

raccontare storie

Ancora oggi ci si incanta ascoltando qualcuno che racconta. La parola incantare (dal latino in-cantare, cantare su o a proposito di… al fine di creare) è collegata al canto, che permette di sintonizzarsi su una frequenza diversa, di percepire i messaggi dell’anima, e non più quelli della propria mente offuscata dalla materialità. In verità è impreciso dire di stare ascoltando una fiaba, sarebbe più giusto dire di stare ricordando delle idee innate, presenti in ognuno di noi per istinto.

Abbiamo detto che le storie servivano – e servono ancora – a intrattenere la famiglia, il clan. A differenza di quanto si possa pensare, l’intrattenimento non è solo sinonimo di divertimento, né tanto meno di “perdita di tempo”. Vediamo, dunque, il vero significato del verbo intrattenere: viene dal latino inter-tenere, tenere insieme. In questo caso si parla di tenere insieme le persone al fine di raggiungere bellezza e piacere; esse sono il “collante” che permette all’incanto di verificarsi. Ogni ascoltatore permette agli altri – e a se stesso – di rimanere nello stato psichico necessario per recepire i messaggi dell’anima, uno stato benefico per il cuore, divertente. E il divertimento rinvigorisce, risana, rivivifica lo spirito.


c0d9a75c888d16ea74249cb04a46b829

Le fiabe che narriamo oggigiorno non sono che un’eco lontana di quello che dovevano essere in origine. Con l’età moderna molte storie classiche (come Cenerentola, La Bella Addormentata nel Bosco…) sono state modificate, riadattate al pubblico infantile e rese meno cruente, perché ritenute inadatte alle orecchie e agli occhi innocenti dei bambini.

Si ha la tendenza a credere, infatti, che i più piccoli debbano essere tenuti lontano dal turbamento, mentre si crede che si debbano raccontare loro storie che permettano di sognare e di vedere i loro desideri realizzati in una realtà altra, dove tutto è possibile. In questo modo il bambino viene avvicinato solo al lato buono, positivo e felice della realtà. Eppure sappiamo bene che la vita di tutti i giorni non è certo una favola. Così facendo, noi adulti precludiamo al bambino la possibilità di elaborare le informazioni preziose celate nelle storie, impediamo lui di imparare dagli errori, dalle ansie, dalle paure e dai drammi dell’eroe ad affrontare i propri.